Indice del forum Il Forum di Cogne

 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

Accesso alla Valle d'Aosta e conseguentemente a Cogne
Vai a Precedente  1, 2, 3 ... , 9, 10, 11  Successivo
 
Questo forum è chiuso: Non puoi inserire, rispondere o modificare gli argomenti.   Quest'argomento è chiuso: Non puoi inserire, rispondere o modificare i messaggi.    Indice del forum -> Piasse de Djan - In Piazza
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
Giuseppe Cutano
Pontifex Maximus di Cogneforum


Registrato: 08/04/08 21:51
Messaggi: 1683
Residenza: Cogne - Roma

MessaggioInviato: Gio 28 Feb, 2013 22:40     Oggetto: Rispondi citando

Trovato per caso questo video che filma interamente il tracciato della SR47 Aymavilles-Cogne. Curioso.

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.


_________________
Cogne rooudze Cogne!
Dott.Grappein
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Giuseppe Cutano
Pontifex Maximus di Cogneforum


Registrato: 08/04/08 21:51
Messaggi: 1683
Residenza: Cogne - Roma

MessaggioInviato: Mar 19 Mar, 2013 19:20     Oggetto: Rispondi citando

da LaStampa

Mentre l'Airvallée (non più della Regione) stava aspettando la rotta Aosta-Roma è praticamente fallita. Un altro tassello del disastroso affaire Aeroporto!

Citazione:
Giovedì 28 febbraio è in programma l'ultimo Torino-Pescara, attualmente l'unica rotta di linea operata da Air Vallèe. La compagnia genovese (il nome non inganni) lascerà quindi Torino, dopo un "matrimonio" durato diversi anni e non privo di qualche incomprensione. La rotta su Pescara era tipicamente una rotta aziendale, molto usata dagli uomini Fiat ed Iveco, per raggiungere gli stabilimenti del sud Italia. Il numero di passeggeri non era più, da tempo, quello atteso: c'erano state diverse cancellazioni fino alla decisione di sospendere i voli. Nel 2013 la compagnia aveva avuto appena 500 passeggeri ed effettuato solo 30 movimenti.... Sul futuro della Torino-Pescara ci sono comunque opzioni aperte, anche perchè si tratta dell'unica destinazione centro-adriatica sino ad oggi raggiungibile da Torino. S'era parlato di un interessamento di Ryanair, comunque mai apparso troppo concreto. E' purtroppo l'ennesima rotta perduta da Torino, la prima della gestione DJW. Anche se in Sagat non tutti piangono una compagnia che avrebbe lasciato anche un rosso da saldare.

_________________
Cogne rooudze Cogne!
Dott.Grappein
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Giuseppe Cutano
Pontifex Maximus di Cogneforum


Registrato: 08/04/08 21:51
Messaggi: 1683
Residenza: Cogne - Roma

MessaggioInviato: Mer 12 Giu, 2013 19:21     Oggetto: Rispondi citando

Per tutti quelli che salgono in Valle da Milano o Genova, avranno visto ormai da 20 anni che presso lo svincolo della diramazione fra la A4 e la A5 nei pressi di Ivrea c'era una deviazione di carreggiata da quasi 20 anni. Nel 1993 il Rio Ribes era esondato e nuovamente nel 2000. Nelle due occasioni non erano mai stato terminati i lavori definitivi, pare per alcune diatribe fra i comuni di cui la competenza era poco chiara per questioni di confine. Pare che finalmente i lavori siano ripartiti. Non è facile pensare allo sviluppo nel nostro Paese quando ci vogliono 20 anni per rimettere a posto uno svincolo!

_________________
Cogne rooudze Cogne!
Dott.Grappein
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Giuseppe Cutano
Pontifex Maximus di Cogneforum


Registrato: 08/04/08 21:51
Messaggi: 1683
Residenza: Cogne - Roma

MessaggioInviato: Dom 16 Giu, 2013 10:25     Oggetto: Rispondi citando

Sul "Decreto del Fare" emesso ieri dal governo fra i primi punti si legge :

-il collegamento ferroviario tra la Regione Piemonte e la Valle d’Aosta

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Possiamo sperare?

_________________
Cogne rooudze Cogne!
Dott.Grappein
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Giuseppe Cutano
Pontifex Maximus di Cogneforum


Registrato: 08/04/08 21:51
Messaggi: 1683
Residenza: Cogne - Roma

MessaggioInviato: Ven 12 Lug, 2013 16:47     Oggetto: Rispondi citando

Sempre che non sia una bufala, ecco Aostasera.it oggi:

Citazione:
Sarà la compagnia del Canton Ticino Darwin Airlines a gestire il volo Aosta-Roma che in base alla gara onerata gestita dall'Enac partirà il 29 settembre.

L'ente per l'aviazione civile ha comunicato oggi alla Regione l’esito finale della gara europea, alla quale aveva preso parte anche Air Vallée. Quest'ultima dall'aprile scorso si era però vista sospendere la licenza dall'Enac. La società, con sede a Lugano, dispone di una decina di aeromobili ed opera già da anni in ambito italiano ed europeo, esercendo, fra le altre, il collegamento Roma-Bolzano, da uno scalo per molti aspetti simile a quello valdostano.

"Si è finalmente completato l’iter necessario per riattivare il volo - sottolinea in una nota l'Assessore regionale ai Trasporti, Aurelio Marguerettaz - sul quale la Regione ha messo in campo, nonostante la congiuntura economica, ingenti risorse finanziarie e l’Assessorato ha lavorato assiduamente negli ultimi anni. Il nuovo collegamento aereo costituisce una prima risposta ai problemi di accessibilità del territorio regionale, facilitando i viaggi dei cittadini e degli imprenditori valdostani e rendendo più appetibile la nostra Regione per i turisti ed i partner commerciali delle aziende locali. "

Il servizio messo a gara riguarda un volo giornaliero in andata (con partenza nella fascia 7-Cool e un volo giornaliero in ritorno (tra le 19,00 - 19,30) dal lunedi al venerdi per tutto l'anno, escluse le festività infrasettimanali e un volo giornaliero in andata (16,15 - 17,00) e un volo giornaliero in ritorno (18,45 - 19,30) la domenica a partire dalla prima domenica di dicembre fino alla domenica di Pasqua. Le tariffe massime da applicare su ciascuna tratta dovranno essere di 124 euro.

Per l’istituzione del collegamento Aosta-Roma la Giunta regionale ha impegnato 8 milioni di euro: 491 mila euro per il 2013, 2 milioni circa per il 2014, 2015 e 2016 e 1,6 milioni per il 2017.

_________________
Cogne rooudze Cogne!
Dott.Grappein
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
NiRa
Senatore di Cogneforum


Registrato: 17/12/08 09:11
Messaggi: 257

MessaggioInviato: Sab 20 Lug, 2013 13:26     Oggetto: treni Rispondi citando

Il c.d. "decreto del fare" stanzia risorse per l'ammodernamento della ferrovia valdostana.

Elettrificazione o treni ( o locomotori ? ) bimodali?

La Regione V.d.A. si è pronunciata per i bimodali, mentre saltuariamente delira su ipotetici collegamenti Aosta-Martigny o sul raddoppio dei binari. La Regione Piemonte invece sarebbe propensa all'elettrificazione; a gli Eporediesi va bene la rottura del carico perché prendono posto sul treno già predisposto in stazione ad Ivrea, mentre i Valdostani che devono cambiar treno resterebbero in piedi fino a Torino (!?). Il comune di Ivrea non sembra interessato ai bimodali (cfr.
Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Qualche voce maligna mi dice che gli amministratori valdostani non sono interessati a rendere decente la ferrovia perché non è sotto il loro governo, mentre ci sarebbero interessi di politica localistica sulla gestione delle autolinee.

Se questi sono i frutti delle autonomie locali, rimpiango i prefetti napoleonici Shocked Shocked Shocked Shocked
Top
Profilo Invia messaggio privato
Giuseppe Cutano
Pontifex Maximus di Cogneforum


Registrato: 08/04/08 21:51
Messaggi: 1683
Residenza: Cogne - Roma

MessaggioInviato: Dom 21 Lug, 2013 8:31     Oggetto: Rispondi citando

Per bimodali immagino si intenda con doppia trazione.
Ovviamente sarebbe buono avere una linea elettrificata da Aosta a Torino.
Io penso e spero che non ci sia il coraggio di tirar fuori nuovamente l'Aosta-Martigny

_________________
Cogne rooudze Cogne!
Dott.Grappein
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Giuseppe Cutano
Pontifex Maximus di Cogneforum


Registrato: 08/04/08 21:51
Messaggi: 1683
Residenza: Cogne - Roma

MessaggioInviato: Lun 12 Ago, 2013 12:08     Oggetto: Rispondi citando

Qualcuno ha avuto modo di sostare nelle aree di servizio di Chatillon e Brissogne in direzione Aosta sull'autostrada A5?
Direi che non danno una gran bella immagine della Valle d'Aosta.
Aree di servizio obsolete, perdite, pulizia scarsa ecc
Tralaltro una è anche "sponsorizzata" con il logo della Regione.
Pare di capire che l'azionista Regione, con il 28% di SAV, non sembra molto interessata agli utenti e ai turisti.

_________________
Cogne rooudze Cogne!
Dott.Grappein
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Giuseppe Cutano
Pontifex Maximus di Cogneforum


Registrato: 08/04/08 21:51
Messaggi: 1683
Residenza: Cogne - Roma

MessaggioInviato: Mer 04 Set, 2013 9:09     Oggetto: Rispondi citando

Anche in Francia se ne sono accorti che le nostre autostrade sono care :

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.


_________________
Cogne rooudze Cogne!
Dott.Grappein
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Giuseppe Cutano
Pontifex Maximus di Cogneforum


Registrato: 08/04/08 21:51
Messaggi: 1683
Residenza: Cogne - Roma

MessaggioInviato: Ven 06 Set, 2013 17:16     Oggetto: Rispondi citando

da Aostasera.it

Una non soluzione....

Citazione:
Sui treni bimodali la Regione Valle d’Aosta va avanti. Il Presidente della Regione ha annunciato oggi, nel corso della consueta conferenza stampa di Giunta, che sarà a breve avviata la gara d’appalto per l’acquisto di 5 mezzi. La spesa preventivata è di circa 50 milioni di euro che arriveranno in parte dalla riprogrammazione del Par Fas 2007/2013, i fondi per le aree sottoutilizzate, approvata oggi dal Comitato di sorveglianza, e in parte dal Decreto del Fare. Per i 27 milioni stanziati da quest’ultimo ha spiegato Rollandin "ci sarà un decreto interministeriale per la riallocazione in maniera definitiva”. I bimodali potranno debuttare sulla linea Aosta-Torino non prima di due anni.

“Con i bimodali – ha ricordato il Presidente della Regione – si potrà superare la rottura di carico a Ivrea e Chivasso e rendere meno faticoso il viaggio da Torino – Aosta, anche in tempi leggermente minori. “



di Silvia Savoye

_________________
Cogne rooudze Cogne!
Dott.Grappein
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
NiRa
Senatore di Cogneforum


Registrato: 17/12/08 09:11
Messaggi: 257

MessaggioInviato: Sab 07 Set, 2013 11:48     Oggetto: Rispondi citando

Treni bimodali, i Pendolari stanchi: "La priorità è l'ammodernamento della linea"
Aosta - Secondo l'Associazione l'ammodernamento significa“raddoppio binari, elettrificazione, rettificazione di alcuni tratti, abolizione passaggi a livello, messa in sicurezza ecc”. Per i soldi del decreto del Fare serve poi concertazione con il Piemonte.

Contro i treni bimodali tornano a dire il proprio No convinto i Pendolari stanchi della Valle d'Aosta da sempre sostenitori all’elettrificazione della linea. In una nota l’Associazione spiega come “i soldi del “Decreto del Fare” sono finalizzati ad un ammodernamento della linea ferroviaria.” E secondo i pendolari ammodernamento significa “raddoppio binari, elettrificazione, rettificazione di alcuni tratti, abolizione passaggi a livello, messa in sicurezza, consolidamento ponti, allargamento gallerie, ecc”.

I bimodali vengono quindi giudicati dall’Associazione come “qualcosa di temporaneo e non risolutivo”. Inoltre ricordano i pendolari i soldi del decreto del fare sono stati assegnati alla linea Chivasso-Aosta e pertanto “il loro utilizzo va concertato con la Regione Piemonte.”

Secondo poi i l’Associazione per risolvere la rottura di carico servirebbero almeno 8 bimodali. Questi mezzi che, secondo l'Associazione porteranno alla dismissione anticipata dei Minuetto, acquistati pochi anni fa dalla Regione, hanno bisogno di omologazione. "Ciò significa - si legge ancora nella nota dell'Associazione - allungare ulteriormente i tempi di attesa e spendere altri soldi”. Problema all’analogo per la manutenzione “per la quale bisognerà rivolgersi ancora una volta all’estero" cosi come per la costruzione.

L’Associazione Pendolaristanchivda ribadisce quindi "la necessità di procedere con l’elettrificazione della tratta Ivrea-­‐Aosta. Tale scelta, il cui costo è stato valutato da RFI nell’ordine di 80-­‐85 milioni, che sarebbe in linea con il Decreto del Fare e potrebbe avere l’approvazione della Regione Piemonte."

Critiche alla decisione della Regione arrivano anche dal segretario del Partito democratico, Raimondo Donzel che sul proprio blog ricorda l'impegno preso dal Governo regionale di relazionare alla competente commissione. "Siamo alle solite - scrive il consigliere regionale - Rollandin e Uv e SA se ne infischiano della democrazia e decidono d’autorità un acquisto strategico che vede alcune associazioni assolutamente contrarie. In un periodo di crisi sprechiamo 50 milioni senza risolvere i problemi strutturali della ferrovia".

Redazione Aostasera

07/09/2013
Top
Profilo Invia messaggio privato
Redazione
Amministratore - Site Admin
Amministratore - Site Admin


Registrato: 03/04/08 18:09
Messaggi: 641
Residenza: Cogne - Valle d'Aosta

MessaggioInviato: Ven 13 Set, 2013 10:16     Oggetto: Rispondi citando

Anche questa volta non va :

Citazione:
Il tanto atteso collegamento Aosta-Roma non si alzerà in volo il 30 settembre, come previsto inizialmente. La compagnia aerea Darwin Airline ha rinviato il debutto della linea, avviando la procedura di rimborso dei biglietti già acquistati. Ad anticipare oggi la notizia è il quotidiano La Stampa di Aosta.

La decisione del vettore è la conseguenza della mancata ratifica da parte del Ministero dei trasporti della gara europea dell'Enac con cui è stata affidata alla compagnia elvetica la gestione della tratta aerea. I ritardi sarebbero legati ad alcuni dubbi sulla legittimità dell’affidamento con bando comunitario ad una compagnia che non è comunitaria. La Darwin Airline batte infatti bandiera svizzera e ha sede a Lugano.

Sull'esito dell'appalto pende inoltre un ricorso al Tar del Lazio della concorrente Air Vallée. La Darwin Airline gestisce attualmente anche il collegamento tra Bolzano e Roma sul quale il Ministero non ha posto però dubbi.

Il servizio messo a gara nell'aprile scorso riguarda un volo giornaliero in andata (con partenza nella fascia 7-Cool e un volo giornaliero in ritorno (tra le 19,00 - 19,30) dal lunedi al venerdi per tutto l'anno, escluse le festività infrasettimanali e un volo giornaliero in andata (16,15 - 17,00) e un volo giornaliero in ritorno (18,45 - 19,30) la domenica a partire dalla prima domenica di dicembre fino alla domenica di Pasqua. Le tariffe massime da applicare su ciascuna tratta dovranno essere di 124 euro.

Per l’istituzione del collegamento Aosta-Roma la Giunta regionale ha impegnato 8 milioni di euro: 491 mila euro per il 2013, 2 milioni circa per il 2014, 2015 e 2016 e 1,6 milioni per il 2017.

_________________
******REDAZIONE COGNE FORUM - SITE ADMINISTRATOR*****
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
cyclocaster
Affezionato CogneForum


Registrato: 30/03/10 21:25
Messaggi: 126
Residenza: Piemonte

MessaggioInviato: Dom 03 Nov, 2013 20:17     Oggetto: Rispondi citando

Tanto per tornare all'argomento autostrada , sono appena tornato da un breve soggiorno in Trentino ( sia chiaro, continuo a preferire un metro di Vda a tutto il Trentino A.A. ) , ecco un breve riepilogo costi e km.
Alessandria sud - Rovereto nord, km 315, € 22,10
Alessandria sud - Aosta ovest, km 211, € 25,60 !!
Top
Profilo Invia messaggio privato
NiRa
Senatore di Cogneforum


Registrato: 17/12/08 09:11
Messaggi: 257

MessaggioInviato: Lun 04 Nov, 2013 7:41     Oggetto: Rispondi citando

Da La Stampa di oggi:

AOSTA
I nuovi treni bimodali potrebbero diventare 10, il doppio di quelli finora annunciati. La novità spunta dal bando per l’ acquisto. L'oggetto dell'appalto è la fornitura di 5 treni ad alimentazione mista diesel-elettrico - e dunque in grado di aggirare il divieto di ingresso per i mezzi a gasolio nella stazione di Torino Porta Susa e la conseguente «rottura di carico» a Ivrea per il cambio di locomotiva - con un importo a base d'asta di 43 milioni 147 mila 500 euro. Come già annunciato nelle scorse settimane, la Regione si riserva di acquistare un treno in più (arrivando quindi a 6) alla stessa cifra se, in sede di aggiudicazione dell'appalto, il ribasso d'asta a lo consentirà. Ma c'è di più. La Regione potrà esercitare, «entro 36 mesi dalla consegna dell'ultimo dei 5 treni», l'opzione di «acquistare ulteriori treni bimodali fino a un massimo di 5». Se ciò avverrà cambieranno anche le cifre del bando che, includendo anche la possibilità di un prolungamento delle attività di manutenzione da cinque a otto anni, arriverà a raggiungere un importo di 94 milioni 95 mila euro


Mi sembra che, se è considerata percorribile l'ipotesi di spendere 94 milioni di Euro, allora proprio sia difficile capire perchè rinunciare all'elettrificazione, che è valutata costare una decina di milioni in meno.

Anche con la miglior buona volontà, viene da pensar male.. Crying or Very sad Crying or Very sad Crying or Very sad
Top
Profilo Invia messaggio privato
Giuseppe Cutano
Pontifex Maximus di Cogneforum


Registrato: 08/04/08 21:51
Messaggi: 1683
Residenza: Cogne - Roma

MessaggioInviato: Mar 05 Nov, 2013 8:45     Oggetto: Rispondi citando

Citazione:
Tanto per tornare all'argomento autostrada , sono appena tornato da un breve soggiorno in Trentino ( sia chiaro, continuo a preferire un metro di Vda a tutto il Trentino A.A. ) , ecco un breve riepilogo costi e km.
Alessandria sud - Rovereto nord, km 315, € 22,10
Alessandria sud - Aosta ovest, km 211, € 25,60 !!


A proposito di Autostrade, passando dall'altro lato del Monte Bianco e volendo fare un esempio fra Ginevra e Chamonix ci sono circa 100 km, quasi tutti in autostrada. La tratta può essere paragonata alla distanza Torino-Aosta per chi va a sciare a Pila.
La tratta in Francia costa PEDAGGIO A40 : 5,7 €
La tratta in Italia costa PEDAGGIO A5 : 15,9 €
Se uno volesse venire dalla Francia o Svizzera a sciare in Italia? 52 € A/R di traforo!

Ci sarà forse qualcosa che non va????
Forse varrebbe la pena applicare almeno sulle autostrade quanto previsto dallo statuto e cioè l'esenzione dell'IVA, ne trarrebbe vantaggio i valdostani e chi frequenta la località.

_________________
Cogne rooudze Cogne!
Dott.Grappein
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
NiRa
Senatore di Cogneforum


Registrato: 17/12/08 09:11
Messaggi: 257

MessaggioInviato: Mar 05 Nov, 2013 18:24     Oggetto: "propedeutico" Rispondi citando

]Da La Stampa:

]“Per la ferrovia valdostana
sono in arrivo 521 milioni”
Le opposizioni all’attacco
“Ora stop ai treni bimodali”

La Legge di Stabilità deve ancora essere discussa dal Parlamento

Le risorse sono state inserite nella Legge di Stabilità, il Piemonte vuole che la cifra sia condivisa. L’assessore Marguerettaz non arretra: “L’acquisto dei nuovi convogli è propedeutico a interventi sulle infrastrutture”

Mah, chi ci capisce è bravo.

Comunque meglio chiarire "propedeuticamente" all'assessore Marguarettaz il significato di "propedeutico" :

(Da Enc Treccani)
propedèutico agg. [der. del gr. προπαιδεύω «istruire prima», comp. di προ- «avanti» e παιδεύω «istruire»] (pl. m. -ci). – Che serve di introduzione allo studio di una scienza, di una disciplina: insegnamento p.; lezioni, nozioni p.; biennio p., in alcune facoltà universitarie, i primi due anni di studî; in genere, corso p., che deve necessariamente essere svolto o superato preliminarmente per poter proseguire negli studî. Meno com. con il sign. più generico di introduttivo, preliminare: non mi fermo a questa analisi p. e procedo oltre (B. Croce). ◆ Avv. propedeuticaménte, con carattere propedeutico, in funzione propedeutica.

Faccio un esempio:" per realizzare una lungimirante politica dei trasporti della Valle, è propeudeuticamenteopportuno mandare a casa l'assessore Marguarettaz"
Top
Profilo Invia messaggio privato
NiRa
Senatore di Cogneforum


Registrato: 17/12/08 09:11
Messaggi: 257

MessaggioInviato: Ven 08 Nov, 2013 13:20     Oggetto: dilettanti allo sbaraglio... Rispondi citando

Si mettano d'accordo:

Da articoli su La Stampa-Aosta:
...Marguerettaz però rimanda le critiche (sulla richiesta di fermare l'acquisto dei bimodali) al mittente. Prima rivendica l'arrivo dei fondi («queste disposizioni sono il frutto di un lungo lavoro svolto negli anni dalle strutture dell'Amministrazione regionale, che hanno operato congiuntamente con i ministeri e le società del gruppo Ferrovie dello Stato, insieme ai responsabili politici e ai parlamentari della Valle d'Aosta»),...


Rollandin: “521 milioni per la ferrovia?
Soltanto un refuso, non arriveranno”
Top
Profilo Invia messaggio privato
Giuseppe Cutano
Pontifex Maximus di Cogneforum


Registrato: 08/04/08 21:51
Messaggi: 1683
Residenza: Cogne - Roma

MessaggioInviato: Lun 18 Nov, 2013 18:15     Oggetto: Rispondi citando

Una notizia passata penso inosservata da noi, ma che potrebbe aprire spiragli importanti per il turismo valdostano :

Citazione:
(ANSA) - ROMA, 17 NOV - Etihad Airways, la compagnia aerea di bandiera degli Emirati arabi uniti, ha acquisito il 33,3% della svizzera Darwin Airline, il cui brand diventerà Etihad regional.

L'obiettivo è collegare i passeggeri dai mercati europei secondari sui principali network di Etihad e dei suoi partner.

E' un "cambiamento radicale" anche per il settore aereo mondiale, ha detto il presidente e ceo di Etihad James Hogan, sottolineando che questo modello potrebbe, nel tempo, essere esteso ad altri mercati.


Una fra le più importanti compagnie al mondo ha acquisto il 33% della svizzera Darwin Airlines, che avrebbe vinto l'appalto sul volo Roma-Aosta, sospeso nuovamente prima di iniziare. Se mai si sbloccherà, di fatto la compagnia che con molta probabilità passerà in mani Ethihad totalmente aprirebbe scenari importanti per la regione, che potrebbe sfruttare un canale importante per farsi pubblicità e far entrare la rotta regionale Aosta-Roma nel network di uno dei colossi mondiali dell'aria. Chissà se qualcuno penserà a farne virtù di questa cosa???!!!Mmm mi sembra molto utopistico, visto i risultati di questi ultimi anni in campo trasporti!

_________________
Cogne rooudze Cogne!
Dott.Grappein
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Alberto Bethaz
Pontifex Maximus di Cogneforum


Registrato: 13/04/08 14:25
Messaggi: 1267
Residenza: ...Cogne-Aosta...

MessaggioInviato: Mar 17 Dic, 2013 6:38     Oggetto: Rispondi citando

Da 12vda.it
Citazione:

"Rav" e "Sav" hanno chiesto ad "Anas" aumenti del pedaggio fino al 15 per cento: non basteranno venti euro da Courmayeur a Pont-Saint-Martin

Sabato, 14 Dicembre, 2013 - 19:40


di redazione 12vda.it


Dovrebbe essere del quindici per cento l'aumento percentuale previsto dal prossimo 1° gennaio 2014 per l'autostrada valdostana, deciso dalle due concessionarie "Sav" e "Rav" e che dovrà essere autorizzato da "Anas" e che porterà a superare la soglia psicologica del pedaggio di dieci euro per i due tratti della "A5", che attualmente costano nove euro e sessanta centesimi quello da Aosta a Pont-Saint-Martin e nove euro e trenta quello tra Courmayeur ed Aosta. L'aumento cadrà non solo sulla testa dei valdostani ma anche su tutti i turisti che forse, a questo punto, inizieranno veramente a guardare altrove per le loro vacanze.
Le due concessionarie, che pur essendo partecipate in quota minoritaria dalla Regione, di fronte alle contestazioni di "voler fare cassa" hanno più volte ribadito di essere società di tipo privato e che questi aumenti tariffari servono a recuperare gli investimenti per la costruzione della variante di Gignod, ad accesso gratuito, che evita il passaggio ad Aosta degli automezzi diretti in Svizzera, oltre che per la manutenzione ordinaria della "delicata" rete autostradale valdostana, mentre la gratuità "sperimentale" della "tangenziale" tra le uscite di "Aosta est" ed "Aosta ovest" (fruibile solo da chi è abbonato al servizio "Telepass" e quindi paga un canone mensile, seppur minimo, alle società autostradali), viene riborsata dalla Regione. Con questo tipo di tariffe, oltre al complicato sistema di sconti per i pendolari, anche gli abbonamenti multipli andrebbero analizzati con attenzione in quanto ci potrebbero essere pacchetti che, di fatto, farebbero spendere di più in caso di non completo utilizzo dell'abbonamento stesso, in modo da evitare che le concessionare ci possano rimettere.
La frana della scorsa estate sulla Montjovetta che ha costretto tutti all'utilizzo dell'autostrada segna dati ineludibili, oltre 35mila passaggi al giorno, che confermano come la strada statale 26 sia ormai al limite del collasso, numeri che dovrebbero obbligare i Consigli di amministrazione delle due concessionarie, oltre alla Regione, a studiare formule innovative per i residenti che contengano l'emorragia di utenti che, nel 2012 è stata del 6,9 per cento: «ad ottobre si è svolta una riunione con "Rav" e "Sav", in cui abbiamo chiesto di formulare proposte - aveva dichiarato il presidente della Regione, Augusto Rollandin, nello scorso novembre, rispondendo ad un'interrogazione di Luigi Bertschy, consigliere regionale dell'Union Valdôtaine Progressiste, sul rispetto di una mozione approvata dal Consiglio Valle nello scorso luglio, che impegnava la Giunta regionale "a sollecitare una ferma presa di posizione dei rappresentanti della Regione nei Consigli di Amministrazione di "Rav" e "Sav contro ulteriori aumenti dei pedaggi autostradali" - ad esempio semplificando la procedura attuale dello sconto del cinquanta per cento su otto passaggi su una stessa tratta. Ci è stato riferito che sarà difficile realizzare formule alternative di sconto. Concordiamo sull'esigenza di insistere sulla riduzione dei pedaggi, ma l'unica formulazione diversa da sconti è quella, valida anche per i turisti, in vigore nel tratto di Bardonecchia che però è a ciclo chiuso».
Sulla A32 "Torino - Bardonecchia", oltre a contratti di co-marketing con le società che gestiscono gli impianti di risalita, che rimborsano il venti per cento del biglietto alle auto con quattro sciatori a bordo, hanno studiato diversi abbonamenti tra i cinquanta ed novanta euro ad uso esclusivo dei residenti dei Comuni appartenenti alle ex Comunità Montane dell'Alta e Bassa Valle di Susa e Val Cenischia.
In Valle d'Aosta, invece non vi è alcuna volontà di favorire l'uso dell'autostrada, ed al contrario si sostengono coloro che avrebbero deciso un ulteriore aumento dei pedaggi. La speranza è quella di essere smentiti, ma resta l'amara consolazione in quanto siamo già ai primi posti delle autostrade più care d'Italia!
MP

_________________
...valigia in mano...sempre!!!
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail MSN
cyclocaster
Affezionato CogneForum


Registrato: 30/03/10 21:25
Messaggi: 126
Residenza: Piemonte

MessaggioInviato: Mar 17 Dic, 2013 8:03     Oggetto: Rispondi citando

Senza parole ! Exclamation Exclamation Exclamation Exclamation Exclamation Exclamation
Top
Profilo Invia messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Questo forum è chiuso: Non puoi inserire, rispondere o modificare gli argomenti.   Quest'argomento è chiuso: Non puoi inserire, rispondere o modificare i messaggi.    Indice del forum -> Piasse de Djan - In Piazza Tutti i fusi orari sono GMT
Vai a Precedente  1, 2, 3 ... , 9, 10, 11  Successivo
Pagina 10 di 11

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi
c d
e



Powered by phpBB © 2001, 2005 phpBB Group
phpbb.it

Abuse - Segnalazione abuso - Utilizzando questo sito si accettano le norme di TOS & Privacy.
Powered by forumup.it forum gratis free, crea il tuo forum gratis free ora! Created by Hyarbor & Qooqoa - Auto ICRA

Page generation time: 0.643